giovedì 24 luglio 2014

More di rovo




Ieri passeggiavo con Tabù lungo la strada che costeggia il centro sportivo, sul lato “selvaggio”, dove i rovi hanno fagocitato tutta la rete che delimita alcuni campi incolti.

Le more iniziano ad essere mature!

In un attimo ero con la mente in altri luoghi e in altri tempi.



Prima di andare ad abitare nel podere di mio marito sui Colli Euganei io pensavo che le more crescessero solo sui gelsi.

Basavo questa mia idea sul fatto che nel campeggio sul Lago di Garda dove passavo i fine settimana con i miei, c’erano molti alberi pieni di more bianche e nere che noi bambini mangiavamo voracemente.

Invece sui colli avevo scoperto che esisteva un'infestante tremenda che, se lasciata indisturbata, si mangiava boschi e soprattutto vigneti, abbracciando tutto con i suoi lunghissimi tralci spinosi.
Il primo anno che avevamo ripreso in mano la campagna, i roveti imperversavano ovunque.

Un giorno di giugno io ed un lavorante idiota, vecchio amico della ex moglie di mio marito (e t’ho detto tutto…) stavamo andando nel vigneto basso, portando una scala, per pulire dei ciliegi e sistemare le rive del ruscello dove c’erano dei noccioli completamente infestati.

Il cretino oltre a fumare come un turco soffriva anche di allergie varie, per cui era più il tempo in cui non faceva niente che quello in cui lavorava.

Fatto sta che per superare il ruscello usiamo la scala come ponte e mentre io la tengo lui passa dall’altra parte.   
A quel punto lui avrebbe dovuto tenere mentre passavo io, ma ha avuto un attacco di sternuti ed io sono caduta nel fosso pieno di rovi (avevo i pantaloncini corti e una canottiera) ed invece di aiutarmi si è acceso una sigaretta perché diceva che così gli passava l’allergia!

Quando sono risalita sembravo una comparsa di quei film di guerra sul Vietnam, piena di fango e graffi ovunque, con foglie tra i capelli e sui vestiti. 
Anche la mia espressione doveva somigliare a quella di un Viet Cong inferocito…

In ogni caso il lato positivo dei rovi è che appunto producono le more.

Qui i ricordi sono decisamente migliori.

Partivo con mia figlia, prima nel marsupio, poi nello zainetto ed infine per manina, per andare a raccogliere le more lungo i bordi del podere (erano finalmente state domate).

Lei si portava il secchiello giallo del mare, quello comprato assieme alle formine, al setaccio e alle palette, e piene di buona volontà iniziavamo la raccolta.

Stavamo in giro anche un paio d’ore ma il secchio era sempre mezzo vuoto.
Le nostre bocche viola e le nostre mani sporche e un po’ graffiate.

La sera a cena mio marito chiedeva: “ma non hai detto che andavate a prendere le more?”
“Eh sì, ma non erano ancora mature!”.

Dai, oggi se non piove troppo, riprovo a raccoglierne un po’. 
Tanto a Tabù non piacciono…

A sinistra un po' di rovi lungo il sentiero verso il podere
 
.

6 commenti:

  1. Buone le more!
    Anche a me inspirano tanti bei ricordi di tempi passati...anche noi da piccoli le raccoglievamo lungo la strada polverosa che dava verso i campi di grano e di mais, pensando alle more mi vengono in mente le magliette sempre sporche di patacche viola, il caldo torrido dell'estate e il sole alto in cielo, i vecchi amici dell'infanzia e dei gran mal di pancia...ne mangiavamo un sacco!
    Ciao e buona raccolta!

    RispondiElimina
  2. Le more ! da bambini andavamo a raccoglierle con la signora livia .......

    RispondiElimina
  3. Raccoglievo anche io..e che buone!!

    RispondiElimina
  4. Ups! Io preferisco l'autunno è diventato www.linquilina.blogspot.com
    ..se ti va :-)

    RispondiElimina
  5. Adoro le more, a volte faccio l'errore di comprarle al supermercato ma resto sempre delusa perché non sanno di nulla :( da piccola facevamo le scampagnate e le mangiavamo dall'albero o dal rovo....era tutta un altra cosa!

    RispondiElimina
  6. Povera la mia Annalisa reduce dal Vietnam....
    Quanto sono belle le more e quanto sono buone e che piacere nel mangiarle trovate per stradine di campagna , abbarbicate nei roveti, nei muretti, nelle rive dei ruscelli..
    Che bei ricordi, ma per fortuna le abbiamo anche adesso vicino a casa...
    Baciotto!!!

    RispondiElimina